< torna ai prodotti

Villa Bossi 2009

Chianti Rufina Riserva DOCG

Da sempre la Riserva Villa Bossi, è stata l’emblema della selezione dei migliori blend. Si potrebbe definire Gran Riserva o Gran Cru o un vino da riflessione. Da sempre il vino di punta, una riserva strutturata e molto longeva, solamente dal 1988 viene prodotta con questi vitigni.

Terroir:
Terreni galestrosi e argillosi con sedimenti calcarei.
Uvaggio
Sangiovese 80% - Colorino 10% - C.Sauvignon 10%
Tipologia di allevamento
Cordone speronato.
Grado alcolico
13,0%
Potenziale di invecchiamento
10-25 anni a seconda dell’annata.
Formati
0,75 lt
1,5 lt
Premi
Acquista qui

Vendemmia e andamento climatico

Le uve vengono raccolte i primi di ottobre.

Fermentazione e vinificazione

La fermentazione avviene in tini, ad una temperatura di 20° C, controllata da una macchina di refrigerazione. Segue poi la fermentazione malolattica in botti di rovere.

Affinamento

Riposa 12 mesi in botti di rovere di Slavonia da 25 hl, 12 mesi in barriques e 24 mesi in bottiglia.

Note organolettiche

Colore rosso rubino intenso, con buona trama colorante e leggeri riflessi granati. Grande impatto olfattivo con un fruttato di ciliegia e mora matura e macerata, segue uno speziato dolce e integrato di vaniglia con sfumature balsamiche e tostate. Il finale presenta note di liquerizia e caffè. Al gusto,grande struttura e carattere. La pienezza del vino si dimostra nella rotondità e personalità dei tannini, il finale di bocca è lungo con note fruttate e minerali chiude una piacevole nota di liquirizia e caffè.

Temperatura di servizio e bicchiere

La temperatura di servizio consigliata è tra 16 - 18 C°. La bottiglia va aperta circa un'ora prima, è consigliato per le annate vecchie l'utilizzo del decanter.Il bicchiere da utilizzare per questo vino è il Baloon o il Bordeaux.

Abbinamento

Umidi e arrosti di grossa cacciagione, formaggi molto invecchiati e maturi.

Area di produzione

Tenuta della Villa Bossi, ad un’ altitudine di circa 300 metri s.l.m., nei vigneti di Sottomonte e Camerata, con esposizione a sud ed in collina, ci sono 9,2 ettari di Sangiovese, 3,1 ettari di Colorino e 2,7 ettari di Cabernet Sauvignon.

scopri la tenuta
La ricetta

Filetto alla piastra in salsa aromatizzata di vino rosso con purè di sedano rapa

Per preparare il filetto alla piastra in salsa aromatizzata di vino rosso: “iniziate versando in una padella larga e dei bordi alti, tutta la bottiglia di vino rosso, aggiungete quindi uno scalogno tritato ed un paio di foglie di alloro, qualche chiodo di garofano e qualche bacca di ginepro, il pepe e un cucchiaio di erbe aromatiche miste (come rosmarino, timo, salvia), se la salsa fosse un pochino aspro aggiungere un punta di zucchero.

Fate asciugare il tutto a fuoco vivo, fino a che il vino si sarà ridotto a quattro cucchiai, quindi spegnete il fuoco e filtrate con un colino, tenendo la salsa da parte, al caldo. Scaldate una piastra, sul fondo mettete qualche pizzico di sale grosso, che aiuterà la carne, durante la cottura, a non attaccarsi. Quando la pentola sarà molto calda, mettete 4 filetti da 250 gr. a cuocere, girandolo dopo una manciata di secondi, giusto il tempo necessario affinché si formi una crosticina che lo sigilli, togliete il filetto dal fuoco e ponetelo su di un piatto da portata, oppure proseguite la cottura secondo i propri gusti.
A cottura ultimata, poggiate il filetto su di un piatto da portata e servitelo molto caldo cospargendolo con un cucchiaio di salsa aromatizzata di vino rosso.

Per il purè di sedano rapa: con un coltello sbucciate due sedano rapa e tagliateli a tocchetti. Ponete sul fuoco una pentola capiente con abbondate acqua, quando l’acqua bollirà salatela e fate sbollentare il sedano rapa per 10 minuti, poi scolatelo. Mettete i cubbetti in un passatutto e passate la polpa in maniera da ottenere un purè aggiungete sale e pepe quanto basta, amalgamate il tutto con 60 gr di burro tagliato a pezzetti. Se il purè fosse troppo denso aggiungete circa 3 cucchiai di latte.

< torna ai prodotti

Correlati

No items found.