< torna ai prodotti

Sassobianco 2019

Colli dell’Etruria Centrale Bianco D.O.C.

Fino al 1987 il bianco della Tenuta Bossi era fatto con il Trebbiano.

Terroir:
Terreni galestrosi e argillosi con sedimenti calcarei.
Uvaggio
Sauvignon Bianco, Chardonnay ed altri.
Tipologia di allevamento
Capovolto.
Grado alcolico
11,50%
Potenziale di invecchiamento
2 anni a seconda dell’annata.
Formati
0,75 lt
Premi
Acquista qui

Vendemmia e andamento climatico

L’estate del 2019 è stata particolarmente calda e secca, ma le rare piogge sono state sufficienti per produrre uve in salute, con aromi e profumi che ritroveremo nel vino. La qualità delle uve raccolte e portate in cantina è stata di grande livello.

Fermentazione e vinificazione

Senza bucce, con pressatura soffice, in contenitori di acciaio inox, a temperatura controllata.

Affinamento

Note organolettiche

Sassobianco 2019 è di colore giallo paglierino tenue con riflessi verdolini. All'olfatto ha una buona intensità, fiori di agrumi come la zagara e il pompelmo, con un fruttato di frutta a polpa gialla esotica fresca seguono leggere note vegetali che terminano con una gradevole mineralità. Al gusto ha una buona freschezza e sapidità sorretta da una buona base alcolica, il finale di bocca è lungo e ripropone tutte le note sentite al naso.

Temperatura di servizio e bicchiere

La temperatura di servizio consigliata è tra 10 - 12 C°. Il bicchiere da utilizzare per questo vino è il tulipano.

Abbinamento

Antipasti con crostacei, primi piatti con verdure.

Area di produzione

Tenuta della Villa Bossi, ad un’ altitudine di circa 300 metri s.l.m., prevalentemente nel vigneto di Camerata con un’ esposizione a sud-ovest ed in collina, con 0,5 ettari di Sauvignon bianco e 0,5 ettari di Chardonnay ed altri.

scopri la tenuta
La ricetta

Spaghetti alla Chitarra in salsa rosa di pomodorini Pachino e mazzancolle

Per la preparazione di questo squisito primo piatto, cominciate pulendo 400 gr di mazzancolle: togliete loro il carapace (la corazza) e tritatene la metà. Pulite poi 2 cipollotti (o scalogni) togliendo la parte esterna più dura; affettateli sottilmente e fateli saltare qualche minuto nell’olio a fuoco medio. 

Non appena i cipollotti saranno stufati, unite300 gr di pomodorini Pachino che avrete tagliato in 4 spicchi facendoli saltare a fuoco vivo per qualche istante, senza che si cuociano completamente per evitare che si spappolino. 

Aggiungete quindi il trito di mazzancolle e le mazzancolle intere ai pomodorini Pachino rimestando con attenzione per non rovinarli troppo.

Unite ora mezzo bicchiere di vino bianco e fatelo sfumare, poi salate.

In ultimo aggiungete l'erba cipollina tritata (o prezzemolo) q.b. , 100 ml di la panna e completate la cottura facendo addensare un po’ il condimento che non dovrà però risultare troppo asciutto; unite ora 350 gr di  spaghetti alla chitarra che avrete lessato in abbondante acqua salata, facendo saltare il tutto qualche istante; aggiustate di sale e di pepe e servite immediatamente.

< torna ai prodotti

Correlati

No items found.