Tenuta Bossi

Terroir – il Chianti rufina

marzo 6, 2017

L’area del Chianti Rufina, è famosa fin dall’epoca degli etruschi, i castelli e le pievi ne arricchiscono il panorama di questa splendida area alle porte di Firenze. In particolare il Vino in quest’area ne fa da re, infatti le prime testimonianze storiche dei vini dell’odierno Chianti Rufina, risalgono ai primi anni del XV secolo. Nel Read More…

Michel Eyquem de Montaigne e il vino Trebbiano dei Gondi

febbraio 12, 2015

Michel Eyquem de Montaigne (Bordeaux, 28 febbraio 1533 – Saint-Michel-de-Montaigne, 13 settembre 1592) fu un filosofo, scrittore e politico francese. Tra i suoi scritti più importanti si annovera: “Du Voyage de Michel de Montainge en Italie”, lo scrittore in questo trattato ricorda come nell’estate del 1580 venne accolto in Palazzo Gondi, dopo aver assistito ad una festa in Piazza Signoria. Lo scrittore rimase entusiasta sia dell’ospitalità della Read More…

Le origini di Laudemio

febbraio 12, 2015

In epoca medievale con il nome Laudemio si indicava il la parte migliore del raccolto riservata al proprietario delle terre, il cui nome è da allora sinonimo di pregio e qualità. Oggi il marchio Laudemio è ambasciatore sulle tavole degli intenditori di tutto il mondo della grande arte olearia della Toscana e dei suoi capolavori. Read More…

Il Chianti Rufina e la Val di Sieve

febbraio 12, 2015

La Tenuta Bossi, di proprietà della famiglia Gondi sin dal 1592, è famosa fin dal rinascimento per il suo vino. Infatti è situata sulle boscose colline a Nord-Est di Firenze, nel cuore del “Chianti Rufina”, zona vitivinicola famosa fin da quel periodo. Le prime testimonianze storiche dei vini dell’odierno Chianti Rufina, risalgono ai primi anni Read More…

La Scoperta di New York ed il Ser Amerigo

febbraio 2, 2015

Nel 1523, Antonio Gondi, banchiere e mercante fiorentino, si sentì obbligato ad accettare la proposta di Giovanni da Verrazzano di raccogliere e finanziare l’ingente somma necessaria per il viaggio, quasi 4.000 scudi di sole. Infatti il re di Francia, Francesco I, all’ultimo minuto, decise di finanziare il viaggio solo per una piccola parte. I Gondi Read More…

La Villa di Bossi ed i lavori di abbellimento di Maria de la Bruyère

febbraio 2, 2015

La villa di Bossi assunse un ruolo di maggiore importanza per la famiglia Gondi, tra il 1878 e il 1884 poiché fu restaurata e trasformata, dalla giovane vedova di Francesco Gondi, Maria de la Bruyère, discendente di Jean de la Bruyère, un nobile francese e famoso scrittore, che non ambientandosi molto bene nella Firenze dell’epoca, Read More…

La villa di Bossi nel ‘700

febbraio 2, 2015

Nella seconda metà del Settecento, con Niccolò Antonino Gondi, la villa di Bossi venne ampiamente restaurata, ampliata, soprattutto la piccola cappella preesistente divenne una vera chiesa con tre altari, il grande organo funzionante grazie ad un mantice, i coretti laterali, uno dove prendeva posto la famiglia ed uno per i domestici, una grande sacrestia nel Read More…